Rinuncia all'eredità (artt. 519 - 526 c.c.)

Rinuncia all'eredità (artt. 519 - 526 c.c.)
DOVE

Cancelleria Volontaria Giurisdizione- piano 2°, stanza n. 14

Tel. 0131 284212 

Per prenotazioni telefonare il mercoledì dalle 14.00 alle 17.00
 

Orario per il pubblico: dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 
Per informazioni telefonare dal lunedì al venerdì dalle ore 12.00 alle ore 13.00 al numero 0131 284212
CHI

La rinuncia all'eredità è l'atto con il quale il chiamato all'eredità dichiara di non volerla accettare, ad esempio perché i debiti del defunto sono superiori ai crediti. In tale eventualità egli vi deve rinunciare espressamente per mezzo di una dichiarazione ricevuta dal Notaio o effettuata dal Cancelliere del Tribunale del circondario in cui si è aperta la successione, altrimenti si considera come non avvenuta. E’ opportuno effettuare la rinuncia prima della presentazione della denuncia di successione o comunque prima di dividere l’eredità. La rinuncia all'eredità non può essere sottoposta ad una condizione o ad un termine, né può essere limitata solo ad una quota parte dell'eredità stessa. 
.
La possibilità di rinunciare si ha fino a quando non si è perduto il diritto di accettare l'eredità e nello specifico: 

  • se si è in possesso di beni ereditari: tre mesi dal decesso (art. 458 c.c.);
  • se non si è in possesso dei beni ereditari: fino alla prescrizione del diritto (10 anni).
Il chiamato all'eredità perde la facoltà di rinunciare se sottrae i beni ereditari o se comunque ha venduto o donato beni di appartenenza del defunto. La rinuncia, a differenza dell'accettazione, è sempre revocabile; il rinunziante, se non è passato il termine di prescrizione di dieci anni, ha il diritto di accettare fino a che, in seguito al suo rifiuto, un chiamato di grado ulteriore non abbia a sua volta accettato. Nel caso di interdetti, inabilitati o minori, il tutore o il genitore deve chiedere l’autorizzazione per la rinuncia all’eredità del minore al Giudice Tutelare del luogo di residenza del minore o del tutore.
COME

La redazione dell’atto di rinuncia all’eredità richiede preventivamente la fissazione di un appuntamento, da concordare con la cancelleria personalmente o telefonicamente al numero telefonico sopra indicato: 0131 284212 il mercoledì dalle ore 14.00 alle ore 17.00.

Elenco della documentazione da consegnare in cancelleria il giorno stabilito per l’atto:

  1. Autocertificazione stato di famiglia del/dei rinunciante/i
  2. Dichiarazione sostitutiva di certificazione di morte
  3. Fotocopia codice fiscale del de cuius e del/deli rinunciante/i;
  4. Fotocopia carta d’identità valida o altro documento equipollente rilasciato da un’Amministrazione dello Stato del/i rinunciante/i;
  5. In caso di rinunzianti minori o incapaci copia autentica dell’autorizzazione del Giudice Tutelare;
  6. n. 1 marca da € 16,00;
  7. Mod. F23 di pagamento dell'imposta di registro pari ad € 200,00.

Per il ritiro di una copia conforme che si può ottenere solo DOPO la registrazione dell’atto:

  • n. 1 marca da € 16,00;
n. 1 marca da € 11,54 per il ritiro della copia dopo tre giorni dalla richiesta, oppure da una marca da € 34,62 per il ritiro della copia con urgenza (entro il giorno successivo).